giovedì, dicembre 02, 2010

TAVOLE ORIGINALI DI CORRADO ROI...


Oggetti e situazioni che il denaro normalmente non può comprare per un unico grande desiderio: un mondo dove i diritti più elementari siano garantiti a tutti. L’appuntamento è con Desideri all’asta, che offre la possibilità a tutti di realizzare un desiderio, acquistando un oggetto speciale o vivendo una situazione conviviale con un personaggio famoso e insieme sostenendo Amnesty International, l’organizzazione internazionale che da quasi 50 anni agisce in difesa dei diritti umani.
Per la 10ª edizione, che è partita su eBay.it giovedì 18 novembre e che proseguirà fino a giovedì 16 dicembre, tanti amici del mondo dello spettacolo, della cultura e dello sport hanno deciso di sostenere la campagna globale “Io pretendo dignità”, lanciata nel maggio 2009. Dignità e diritti umani sono le richieste che i soci e gli attivisti di Amnesty International rivolgono ai governi perché sia posta fine al peggiore scandalo dei tempi moderni: la povertà.
A partire da giovedì 2 dicembre per una settimana sarà online su eBay.it il terzo lotto di Desideri all’asta: dopo essersi aggiudicati un incontro con Eros Ramazzotti, Luca Argentero, Alessandra Amoroso e Paolo Conte questa settimana i fortunati vincitori potranno conquistare, tra le altre sorprese, una tavola originale di Corrado Roi; una fotografia del noto fotografo di moda Gianmarco Chieregato, una scultura di Thomas Berra, parte della COW PARADE MILANO 2007, un incontro con Saturnino e un aperitivo con Katia e Valeria. E ancora I Litfiba, Valentino Rossi, Baglioni e tanti altri!!
Focus della campagna sostenuta da questa iniziativa sarà la mortalità materna, una delle più insopportabili conseguenze della povertà. Ogni anno, 350.000 donne muoiono per complicanze legate alla gravidanza e al parto. La maggior parte di queste morti potrebbe essere evitata attraverso cure mediche di alta qualità, accessibili e tempestive. Per questo la campagna “Io pretendo dignità” chiede assistenza ostetrica d'urgenza disponibile per ogni donna; l’eliminazione dei costi di accesso alle cure mediche di base e all’assistenza sanitaria salvavita; il rispetto e la tutela del diritto delle donne al controllo sulla loro vita sessuale e riproduttiva. Attualmente Amnesty International sta lavorando in Sierra Leone, Perù e Burkina Faso e Stati Uniti.
Per partecipare all’asta, basta collegarsi e iscriversi al sito www.eBay.it anche attraverso il sito www.amnesty.it e rilanciare sul prezzo di partenza, che per tutti i lotti è di €1.
Ogni giovedì si potranno scoprire nuovi e prestigiosi lotti.


Ufficio Stampa
Aragorn
Comunicazione, eventi, fundraising per il non profit
Via Vittoria Colonna 49 - 20149 Milano www.aragorn.it
Giulia Brunetti: giuliabrunetti@aragorn.it
Tel. 02 465 467 42 Fax. 02 465 467 77

sabato, febbraio 20, 2010

COSA NON SI FA PER RISPARMIARE!


Lockerz è un sito che regala premi, a seguito di una raccolta di punti sul sito. L'iscrizione può essere effettuata solo tramite invito, inviatemi una mail a kapakkione@hotmail.it e vi invito. Al raggiungimento dei punti per il premio desiderato, si fa la richiesta. Esiste sul territorio americano da Marzo 2009 e da pochi giorni ha aperto le spedizioni anche in Europa.

I premi che si possono vincere sono per la maggior parte di tipo tecnologico. Si possono vincere PSP, iPod, Macbook, PS3, XBOX 360, Wii e tanto altro. Non appena vi sarete registrati a Lockerz, vi consiglio di dare un occhiata al catalogo.

Al primo login della giornata: 2 punti.
Rispondendo ad un semplice sondaggio quotidiano (Dailies): 2 punti.
Al momento dell'iscrizione, con un giochino stile Arkanoid, si possono fare fino a 40 punti (di solito se ne riescono a fare 20)
Per ogni amico invitato, fino ad un massimo di 20 amici al giorno: 2 punti per ognuno.

Al raggiungimento di 20 amici invitati, si diventa Z-Lister: Ogni operazione effettuata sul sito comporta il raddoppio dei punti ed in piu' si riceve in omaggio una T-Shirt e un adesivo entrambi griffati Lockerz.

ditemi voi tentar non nuoce....
aòò kapakkiò

CARRICATURA...

venerdì, gennaio 29, 2010

PROGETTO PUTIS


Il massacro avvenne nel 1984, durante la presidenza di Fernando Belaúnde Terry, durante una forte offensiva dell'esercito guerrigliero di Sendero Luminoso, che combatté dal 1980 al 2000: l'esercito regolare peruviano fu costretto a discendere le alture andine e fermatosi nel villaggio di Putis radunò parte della popolazione, tutti campesinos, a cui fece scavare una fossa lunga circa dodici metri, larga sei e profonda circa tre. Questa fossa tre giorni dopo fu riempita dai 120 corpi dei campesinos uccisi per rappresaglia come risposta all'offensiva di Sendero Luminoso nella regione di Ayacucho.

Il tribunale che ha ordinato l'esumazione sta investigando sulle modalità e i motivi, soprattutto per cercare di rintracciare e punire i militari che hanno partecipato ed attuato questa vera e propria mattanza.